Musica in lutto: il cantante è morto di cancro


Lutto nel mondo della musica. Johnny Clegg, cantante sudafricano che tutti conoscevano come “Zulu bianco”, è morto a Johannesburg a 66 anni. Era malato di cancro. A dare la notizia della sua scomparsa all’AFP è stato il suo manager Roddy Quin che ha detto: “Johnny lascia un’impronta profonda nei cuori di ogni persona che si considera africano”. Il cantante era molto conosciuto oltre che per la sua musica anche per la sua battaglia, da artista bianco, contro l’apartheid, la tremenda politica di segregazione instaurata dalla Repubblica Sudafricana e rimasta in vigore fino agli anni ’90. L’apartheid, contro il quale si è opposto per tutta la sua vita Nelson Mandela e il suo partito, l’African National Congress, prevedeva, appunto, la segregazione di tutta la popolazione che non aveva la pelle bianca.
In quell’orrore razzista la musica di Johnny Clegg fu un esempio di lotta contro quella politica. Nella sua carriera il cantante formò due band multirazziali per lottare le leggi segregazioniste. Continua a leggere dopo la foto








Clegg, per portare avanti i suoi ideali, non si fermò di fronte a nulla, neppure di fronte alla censura. E fino alla caduta dell’apartheid, fece il suo con passione e convinzione. Il suo impegno sociale e politico lo portò anche in galera: il cantante fu infatti arrestato. Era molto amato e seguito: i suoi dischi vendettero oltre cinque milioni di album, e lui ebbe un grande seguito, oltre che riconoscimenti internazionali. Per esempio? Ottenne una nomination ai Grammy Awards. Continua a leggere dopo la foto






Ovviamente, sempre per via del suo impegno, divenne amico di Nelson Mandela al quale dedicò anche una canzone. Johnny Clegg imparò la musica e il ballo Zulu fin da giovane grazie alla sua amicizia con Charlie Mzila. In seguito unì quelle armonie alla musica folk creando, con le sue band Juluka e Savuka, uno stile unico: “La sua musica ha avuto l’abilità di unire le persone di tutte le razze. Clegg ha creato un marchio indelebile nell’industria musicale e nel cuore delle persone” ha scritto in una nota il Governo Sudafricano. Continua a leggere dopo la foto



 

Il cantante si è esibito fino al 2017 per il suo “The final Journey”, che portò avanti mentre il cancro era in remissione: il male gli era stato diagnosticato nel 2015. Sembrava una cosa superata e invece se lo è portato via a soli 66 anni. Clegg, che era nato in Inghilterra e si era trasferito in Africa da bambino, insieme alla madre, è famoso soprattutto per la canzone “Asimbonanga”, nella quale chiedeva la scarcerazione di Nelson Mandela, che sarebbe poi diventato presidente del paese.

Pierfrancesco Favino: “Quando è morto mio padre ero sul set. Ma continuai a girare”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it